sabato 5 novembre 2011

Il rosso e il nero, un esperimento.

In pratica, fino alla N.17, grossi esperimeti per dare una "nota di colore" alle mie pipe non ne avevo fatti. Se escludiamo le prime pipe, colorate con i colori atossici della PTZ, tutta la produzione migliore che, secondo me, parte dalla N.7 è tutta al naturale e solo cerata.
Sul mercato ci sono pipe color rosso mogano con alcune fibre scure, se non nere. Come fare quindi per avere un rosso striato di nero?
Io ho fatto così: per prima cosa ho preso un pezzo di radica di scarto e l'ho posizionato nella morsa e l'ho levigato con le carte abrasive fino alla 1200.
Per rendere meglio le fibre nella foto ho dovuto inumidire leggermente il pezzo, altrimenti non si sarebbero viste chiaramente.


Per prima cosa ho passato il nero, perché è più scuro del rosso. Il mordente penetra meglio nelle fibre piu morbide e le colora più intensamente e più in profondità.


Quindi, se passo della carta abrasiva riesco a rimuovere solo il colore dalle fibre più dure, dove il mordente è penetrato di meno. Il risultato è che rimangono nere solo le fibre più morbide.


A questo punto do una passata di mordente rosso mogano, che è più chiaro del nero e quindi si vede solo sulle fibre più dure da cui ho rimosso il nero in precedenza.


Il risultato è un pezzo di radica rosso mogano striato di nero.
L'importante è usare sempre il mordente più scuro per primo.

Nessun commento:

Posta un commento